Il mondo dal divano: musei chiusi, musei aperti

terza parte

La vita e l’arte sono praticamente uguali. L’arte però rende la vita più sopportabile”

C. Bukowski

Siamo nuovamente qui, ad un altro giro di giostra. Un giro che sembra infinito e che ha il sapore di qualcosa che già conosciamo alla perfezione. Alcuni (ciao papà) nel primo lockdown hanno trovato la comodità di lavorare da casa con addosso camicie decisamente discutibili, altri lo hanno sopportato soli, eclissandosi, altri ancora non lo hanno proprio accettato e poi c’è chi durante la chiusura ha avuto una baraonda in casa. Ma nonostante tutto, che questo ci possa piacere o meno, bisogna fare in modo di guardare il mondo nel modo piu sereno possibile, e so che questa parola: la “serenitànon sia mai stata più pesante.

 

Però un lato positivo c’è: i piu piccini sono a scuola, possiamo andare a tagliare i capelli, fare la spesa, andare in libreria .. questo per chi vive in una sfigatissima zona rossa, come la sottoscritta. E chi è nella zona gialla? Vida Loca!!

Ciò che mi ha veramente spezzato il cuore è stata la chiusura improvvisa dei musei per un mese. L’unico luogo, che mi ha sempre permesso di evadere dalla realtà, l’unico che mi ha sempre fatto credere che questo 2020 non fosse poi così orrendo.

Ma guardiamo il lato positivo: i musei si sono trasferiti online con tantissime novità, da sperimentare rigorosamente da divano.

Iniziamo:


Come sedare i più piccoli

Iniziamo oggi con i piu piccini e con tante idee perché non si annoino (e non vi rompino troppo).

E qui, ora, faccio anche un super annuncio. Sto per diventare zia di una bimba meravigliosa e già so che sarà un piccolo raggio di sole. E come le dimostrerò il mio affetto? Ovviamente portandola al museo e facendole fare un sacco di attività organizzate da questi. Finirà che mi ficcherà in gola tutti i pennarelli e i libri che le regalerò, senza volerne piu sapere niente. Ma è un rischio che sono disposta a correre. Tutto questo volo pindarico, per dirvi che mi sono informata per soddisfare i gusti dei più piccoli e qui di seguito, propongo le iniziative che mi sono piaciute più di tutte.

Mani in pasta:i laboratori

Il Guggenheim di Venezia con l’intento di rimanere vicino alle famiglie, ha raccolto alcuni video di laboratori educativi progettati per bambini di età compresa tra i 5 e gli 11 anni, da realizzare con l’aiuto di un adulto o meglio ancora da tutta la famiglia!

Fondazione Prada, ha organizzato “Accademia Aperta” . Un progetto video con cui l’Accademia dei bambini ripercorre i laboratori realizzati dal 2015 a oggi.

Per i bimbi che amano sognare con le favole, consiglio i video realizzati per il progetto museo chiama casa dal Mus.e di Firenze. Qui si trovano anche tantissime attività e laboratori.

Per i piccoli hacker 

Play with Art and Culture è un progetto promosso da Google per avvicinare i piu piccini all’arte in modo spensierato e divertente. Ma non solo, i giochi sono così leggeri e distensivi che possono essere provati anche da adulti. Trovarete puzzle, coloring book da stampare o colorare direttamente dal sito, tanti quiz divertenti di associazione di immagini, parole crociate ecc.

Anche il parco archeologico del Colosseo, con il suo servizio di educazione ha creato tanti giochi davvero carini. Troviamo memory game (adatto a tutte le età), enigmistica e il mio preferito in assoluto: il Detective quiz (questi ultimi due per i bimbi piu grandi). Tutto rigorosamente a tema Antica Roma.


Per i più grandi

A chi piacciono le dirette? A me moltissimo e le metto come sottofondo radio delle mie giornate, così da non sentirmi troppo sola quando sono giù di morale.

MAXXI Roma

Per gli amanti dell’arte contemporanea consiglio gli eventi gratuiti promossi dal MAXXI. Il museo di arte del XXI secolo organizza moltissime dirette con artisti e divulgatori, trovate tutti gli eventi, ogni giorno nuovi sulla loro pagina Facebook .

Museo Egizio di Torino

Eventi imperdibili, sono le “storie egizie della sera” promosse dal Museo Egizio di Torino. Le dirette (per tutta la famiglia) si svolgono su zoom e la prenotazione è obbligatoria e gratuita. Puoi registrarti compilando il form http://bit.ly/form-storie-egizie. il giorno stesso in cui desideri ascoltare il racconto, entro mezz’ora dall’inizio della storia e Spazio ZeroSei Egizio ti manderà il link alla diretta ZOOM! . Gli eventi si svolgeranno sempre di sera dal venerdì alla domenica. Per tutti gli eventi promossi dal museo consiglio di rimanere sintonizzati sulla loro pagina Facebook . Potete anche approfittare della visita virtuale alla mostra cliccando qui .

Consiglio la visione delle mostre con questo piccolo visore. Rende tutto molto più immersivo e divertente. (link affiliato)
Ma non è finita, il museo Egizio si è dato davvero tantissimo da fare. Sul canale YouTube trovate tantissimi video, molto interessanti, come “le passeggiate con il direttore”.

Gallerie degli Uffizi

Delle gallerie degli Uffizi ho già parlato abbondantemente anche negli articoli precedenti, ma vorrei ricordarvi le bellissime iniziative sulla pagina Facebook, con tantissime spiegazioni offerte dagli operatori museali. E’ anche questa una realtà chiusa al pubblico fisicamente, ma sempre aperta e brulicante di vita e storia. Assolutamente da vere.

Musei Civici Fiorentini

Museo chiama casa è l’iniziativa proposta dai musei civici fiorentini, regalandoci un grande corpus di video molto particolari e poco scontati, viaggiando tra storie leggende e (ri)scoprendo l’arte con leggerezza. Sul sito hanno raccolto tutti i video creati ed in questo momento stanno lavorando a tante novità. Vi consiglio di rimanere sintonizzati sulla pagina Facebook

Andiamo a Verona?

E’ online da oggi un portale che oltre ad essere innovativo e smart, garantisce un’offerta turistica completa in quel di Verona. Niente male direi per sognare un po’, scoprire storie e leggende e, perché no.. organizzare un futuro viaggio. Navigando un po’ su Visitverona.it , ho selezionato la zona che più interessa qui su Likei: “Arte e storia nella città dell’amore“.

“Nobody’s Room. Anzi, parla”

Avete mai voluto partecipare ad un’opera artistica? Se la risposta è si, non potete perdervi assolutamente il progetto di Silvia Giambrone realizzato per il Museo del Novecento di Milano “Nobody’s Room. Anzi, parla”. Il titolo stesso, riprende il testo “Taci. Anzi parla. Diario di una femminista” di Carla Lonzi. L’artista cerca di raccogliere differenti punti di vista e interventi, generando una comunità virtuale. L’opera d’arte vuole essere così, un luogo di scambio, una zona di libera espressione. Se vuoi partecipare clicca qui  

Museo Diocesano di Milano

Anche il museo Diocesano è chiuso, ma rimane aperto online con tantissime iniziative su zoom. Seguendo “la lunga scia della bellezza“, Stefano Zuffi conduce sulle orme del Tiepolo. Primo appuntamento su zoom mercoledì 11 novembre alle 17.30. Rimanete connessi sulla pagina Instagram per scoprire tutti gli eventi. Il costo è di 10€ ad evento.

Gam di Milano

La galleria di arte moderna di Milano si è organizzato egregiamente sulla piattaforma Google Art & Culture. Se non state nella pelle per tornare al museo, perché non provare questa esperienza virtuale?!

Musica maestro!

Oggi mi sento paxxxa e vorrei proporvi anche due iniziative musicali, da tenere come sottofondo alle vostre giornate.

Il duo di chitarre Marco Tencati Corino -Guido Pace (Due in Duo) esegue Chorando pra Pixinguinha di Toquinho.
I due musicisti hanno registrato il brano in due momenti diversi, accostando infine le registrazioni davanti ai tre saloni napoleonici della Pinacoteca di Brera, così come vennero dipinti da Angelo Ripamonti nel 1880.
Buon ascolto!

Se invece siete amanti dell’opera potete ascoltare l’intera stagione lirica 2020-2021 promossa dall’ente Concerti Marialisa deCarolis, comodamente da divano.

Trovate lo streaming qui. Per questo in particolare, ringrazio un ragazzo che segue la pagina Instagram Likeitalians che mi ha consigliato questo particolare evento.

Per oggi è tutto ragazzi. Se dovessero palesarsi nuove iniziative o volete consigliarne alcune, fatemi un fischio su Instagram o sui commenti qui sotto e provvedo subito a creare un quarto articolo di “musei chiusi, musei aperti”.

Questo è il terzo articolo che scrivo riguardo le attività online dei musei, quindi tutto ciò che non trovate qui, lo potete ripescare nella prima o nella seconda parte.

Vi mando un forte abbraccio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *