Mostre e musei

Musei gratis a Milano: la guida completa

Molto spesso si associa Milano a un luogo grigio, freddo, piovoso, fatto di gente sempre di corsa; una città talmente snob che prima o poi ti fa venire la nausea, che offre tanto si, ma tanto ti toglie. E dopo la movida, qualche monumento e sere a teatro cosa resta?

Qualche anno fa ti avrei risposto che niente, non restava niente. Milano per me somigliava a quei bulli tanto fumo e niente arrosto che incontravi tra i banchi di scuola.

Il mio amore per Milano, non è stato decisamente un colpo di fulmine. Mi ci sono voluti anni per imparare a scoprirla e capirla, due decenni per iniziare ad amarla.

Con il tempo ho iniziato a capire che Milano custodisce fra le sue mura una storia antichissima ricca di arte. Milano non è solo per chi ama fare festa: è per solitari, per cuori infranti, per giovani amanti, per gli incompresi.

Milano è per tutti.

Questo articolo però lo dedico a te, che ami la cruda realtà del mondo attraverso il velo dell’arte, che sogni un mondo in cui l’accesso all’arte e alla cultura possa un giorno essere alla portata di tutti o che, semplicemente questa settimana non hai voglia di spendere troppo, ma non vuoi rinunciare alla bellezza.

Ecco dunque che ti presento la mia mini guida ai musei gratis di Milano.

“L’arte è una menzogna che ci consente di riconoscere la verità.”

Musei sempre gratis a Milano

Museo del risorgimento

Le collezioni del Museo del risorgimento illustrano il periodo della storia italiana compreso tra la prima campagna di Napoleone Bonaparte in Italia nel 1796 e l’annessione di Roma al Regno d’Italia nel 1870. È un museo molto carino il cui percorso espositivo è organizzato seguendo gli avvenimenti storici in sequenza cronologica.

Orario di apertura: Martedì – Domenica | 10:00-17:30 (ultimo ingresso ore 17).


Casa-Museo Boschi di Stefano

La Casa-Museo Boschi di Stefano è un museo gratis a Milano che amoin particolare modo. Si tratta della vecchia casa dei coniugi Boschi di Stefano, aperta al pubblico dal 2003. Se sei un amante dell’arte del XX secolo allora non puoi perdere la visita all’interno di questa “umile” dimora. La collezione ospita una selezione di circa 300 opere donata al Comune di Milano nel 1974 e rappresenta una straordinaria testimonianza della storia dell’arte italiana del 1900.

Unica pecca? Non ci sono didascalie, ma puoi scaricare la mappa prima di entrare al museo.

Orario di apertura: Martedì – Venerdì | 10:00-17:30 (ultimo ingresso ore 17).

Curiosità sui coniugi e la “bara del marinaio”


Casa delle Arti – Spazio Alda Merini

La poetessa milanese Alda Merini, ha abitato in Ripa di Porta Ticinese 47, fino al giorno della sua morte nel 2009. Non è stato possibile conservare l’abitazione originale e per tale ragione la Casa delle Arti – Spazio Alda Merini è stata riallestita con gli autentici mobili e gli effetti personali in Via Magolfa 32. All’interno di questa casa museo vengono anche spesso organizzati concerti, incontri e presentazioni molto interessanti dedicati alla poesia e alla letteratura.

Orario di apertura: Lunedì 14:00-18:00 | Martedì – Giovedì 10:00; 13:00 – 14:00; 18.00 | Venerdì – Domenica 10:00; 13:00 – 14:00; 21.00


Museo astronomico di Brera

La collezione è stata costituita grazie al volere di alcuni direttori dell’Osservatorio di Brera interessati alla storia dell’astronomia che hanno raccolto nel corridoio di ingresso dell’Osservatorio alcuni degli strumenti più significativi utilizzati dagli astronomi di Brera dalla metà del Settecento in poi.

Del Museo fa parte anche la cupola che contiene il telescopio rifrattore da 22 cm fatto installare da Virginio Schiaparelli nel 1875 e da lui utilizzato per gli studi sui sistemi stellari binari, sulle comete e gli asteroidi, e sui pianeti del Sistema Solare, soprattutto Marte. Nel 1999 il telescopio e la cupola sono stati restaurati e riportati alle loro condizioni originarie.

Orario di apertura: Lunedì-Venerdì | 9:00-16:30
Ingresso a offerta libera


Palazzo morando – Costume Moda Immagine

Il museo è situato al primo piano di Palazzo Morando ed è suddiviso in due percorsi distinti: la Pinacoteca e e sale settecentesche dell’appartamento.

La pinacoteca custodisce un’importante collezione che mostra le inesorabili trasformazioni del tessuto urbano e le principali manifestazioni della vita pubblica di Milano tra il XVII e il XIX secolo.

Nelle sale dell’appartamento, invece, è esposta a rotazione la civica collezione di costume e moda.

Orario di apertura: Martedì-Domenica | 10:00-17:30 (ultimo ingresso ore 17).


Mudec- Museo delle culture

Il Mudec é un mirabolante museo di Milano, che organizza continuamente bellissime mostre a pagamento e non esattamente economiche. Non tutti sanno però che la collezione permanente è totalmente gratuita.

Le quattro sale al primo piano custodiscono oltre 200 tra opere d’arte, oggetti e documenti che permettono al fruitore di allargare i propri orizzonti, guardando il mondo in maniera meno eurocentrica ed esaltando i valori della conoscenza dell’altro e della diversità

La Collezione Permanente è temporaneamente chiusa per rinnovo allestitivo.


Fondazioni Pirelli Hangar Bicocca

Si tratta di una fondazione no profit nata a Milano nel 2004 dedicata alla promozione dell’arte contemporanea. Ha per me una forte importanza sentimentale, perchè galeotta dell’amore con Brizi fu proprio una mostra all’hangar. Lo spazio espositivo è sempre strutturato divinamente e molto arioso.

Una pecca: se ti capitasse di entrare con il gruppo dell’ultimo range orario assicurati di arrivare in anticipo, una volta ho tardato di 3 minuti e non mi hanno fatta entrare.

Orario di apertura: Giovedì-Domenica | 10:30-20:30


Casa Verdi- Casa di riposo per musicisti

Delle mie opere, quella che mi piace di più è la Casa che ho fatto costruire a Milano per accogliervi i vecchi artisti di canto non favoriti dalla fortuna, o che non possedettero da giovani la virtù del risparmio. Poveri e cari compagni della mia vita!”.

La casa di riposo in stile neogotico è stata fondata da Giuseppe Verdi fra il 1896 e il 1899 e racconta storie evocative e rarefatte in cui il visitatore viene calato un un tempo senza età, fatto di sogni.

Casa Verdi è un museo unico che ripercorre la vita del noto musicista e di sua moglie Giuseppina Strepponi.All’interno si possono trovare oggetti personaliarredi monogrammati GV,  collezioni d’arte che mostrano pezzi pregevolissimi come i busti di Vincenzo Gemito o il celebre ritratto di Verdi di Giovanni Boldini, fino ai calchi in gesso del volto e della mano di Giuseppe Verdi.

Le visite alla casa e alla cripta sono momentaneamente sospese a data da definirsi.


Museo Studio di Francesco Messina

Il museo Studio di Francesca Messina e un luogo speciale, poichè si trova all’interno della chiesa sconsacrata di San Sisto al Carrobbio e soprattutto sostiene e valorizza giovani scultori italiani e stranieri attraverso mostre e pubblicazioni.

Ti consiglio di visitare il Museo Studio, perchè, insieme a Giacomo Manzù, Arturo Martini e Marino Marini, Francesco Messina è considerato uno dei maggiori esponenti della scultura figurativa del Novecento. La sua carriera attraversa tutto il ventesimo secolo ed è influenzata dai più grandi artisti e scrittori del tempo.

Il museo, che è stato per diversi anni lo studio effettivo dell’artista, espone oggi circa ottanta sculture e una trentina di opere grafiche.

Orario di apertura: Martedì-Domenica | 10:00-17:30


Museo Magnini Bonomi

Forse la casa museo più sconosciuta di Milano è proprio quella appartenuta a Emilio Carlo Mangini che, alla sua morte, lasciò più di 3000 oggetti bramente fruibili dal pubblico.

Egar Allan Poe scriveva che per nascondere qualcosa, basta lasciarla in bella vista e aveva totalmente ragione: la casa museo si trova infatti in via dell’Ambrosiana, in pieno centro a Milano ed è uno dei luoghi meno conosciuti dai milanesi.

Al suo interno si trovano dieci stanze e un meravigliosa wunderkammer di oggetti quotidiani, che diventano sorprendenti proprio in ragione al loro essere banale e di tutti i giorni. E se sei un amante dei sotterranei, puoi stare tranquill*, in questa casa non manca nulla.

Orario di apertura: Lunedi e Giovedì | 15:00-19:00; Mercoledì | 15:00-17:00


Parco dell’Anfiteatro Romano e Antiquarium “Alda Levi”

Il parco, gestito dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici della Lombardia, offre ai curiosi visitatori un’oasi verde in pieno centro a Milano dove sono conservati i resti delle fondazioni dei muri radiali e perimetrali dell’anfiteatro.

L’edificio, originariamente grande come il Colosseo, poteva accogliere 20.000 spettatori e veniva usato per i duelli dei gladiatori e le venationes (combattimenti tra uomini e animali). Durante la invasioni del V secolo, però è stato spogliato dell’anello esterno per reimpiegare i materiali in nuove costruzioni come la vicina Basilica di San Lorenzo e le mura della città.

Nonostante la triste storia, oggi, si è cercato di creare un Amphitheatrum naturae, dove gli elementi architettonici mancanti vengono sostituiti da piante utilizziate in epoca romana. L’idea della Soprintendenza e del Comune di Milano è quella di creare un nodo, un abbraccio infinito e armonico tra la natura e architettura, tra struggenti rovine e la forza della natura.

Orario di apertura: Martedì – Sabato | 09:30- 14:00

 

Musei gratis per studenti

Da studentessa di Storia dell’arte mi sono sempre lamentata di come tutti i musei di Milano non siano gratuiti per noi studiosi squattrinati. Però qualcuno che viene in nostro soccorso c’è e ci dona la gratuità, oppure un ingresso a prezzo piccino come fa la GAM, ma oggi parliamo di musei ad accesso libero.

Museo Diocesano di Milano

Il Museo Diocesano di Milano durante il lockdown ha fatto sognare me e centinaia di altri amanti dell’arte con le bellissime serate a tema e ora è ripartito con il botto aggiornando il calendario eventi e mostre, finalmente, in presenza.

Gratis per studenti delle Facoltà di Beni Culturali, Architettura e Design, Accademia di Belle Arti. Ridotto a 8 euro invece di 10 per dai 6 ai 18 anni e per studenti universitari muniti di tesserino.

Orario di apertura: Martedì-Domenica | 10:00-18:00


Museo del Novecento

Il museo del Novecento è in assoluto il museo che amo di più in tutta Milano. In questo luogo ho scoperto me stessa e non ringrazierò mai abbastanza il museo, ma soprattutto Boccioni per il regalo di una ritrovata consapevolezza. Stai attent* a questi spazi, potresti perderti e ritrovarti infinite volte, ma ti assicuro che non esiste sensazione pi§ bella al mondo.

Orario di apertura: Martedì-Domenica | 10:00-19:30


Gallerie d’Italia

Gallerie d’Italia è un insieme di spazi espositivi creati dal gruppo Intesa San Paolo e per questo, chi è loro cliente può entrare gratuitamente. Non solo, hanno la gratuità anche gli Under 18dipendenti del Gruppo Intesa Sanpaolo; studenti del corso di laurea in Beni Culturali, Accademia Belle Arti, Archeologia, Storia dell’arte, Architettura, Scienze della formazione, DAMS. Quindi, che tu vada a Milano, Napoli o Vicenza, se fai parte di una di queste categorie allora hai il diritto a entrare gratis.

Il percorso espositivo del museo di Milano attraversa il secolo dell’Ottocento italiano, passando da Canova a Boccioni, esplorando Romanticismo, Naturalismo, Divisionismo, Simbolismo e donando anche uno scorcio sui macchiaioli. Si procede approdando nel secolo del Novecento con un focus particolare agli anni Quaranta-Cinquanta e alle ricerche verbo-visuali degli anni Sessanta-Settanta.

Orario di apertura: Martedì – Domenica | 9:30-19:30


Pinacoteca di Brera

La Pinacoteca di Brera non necessita di presentazioni: correte, sognate e perdetevi tra le sale. Se vuoi qualche informazione sul museo puoi leggere il mio articolo qui.

Gratis per studenti delle Facoltà di Architettura, Conservazione dei Beni Culturali, Scienze della Formazione, Lettere e Filosofia con indirizzo archeologico o storico-artistico, Accademie di Belle Arti. Ingresso a 2 euro per ragazzi dai 18 ai 25 anni.

Orario di apertura: Martedì – Giovedì | 9:30-18:30

Musei gratis ogni primo e terzo martedì del mese dalle ore 14.00

A Milano esiste anche una particolare e gradevolissima iniziativa che che permette di visitare gratuitamente i musei civici il martedì pomeriggio e durante l’ultima ora di apertura negli altri giorni della settimana. Ecco un elenco pratico e veloce.

Pinacoteca di Brera

Orario di apertura: Martedì – Giovedì | 9:30-18:30


Musei del Castello Sforzesco

Orario di apertura: Martedì – Domenica | 10:00 – 17:30 (ultimo ingresso ore 17)


Museo del Cenacolo Vinciano

Orario di apertura: Martedì – Sabato | 9:00; 18:45 | Domenica 9:00; 13:30


Galleria d’Arte Moderna

Orario di apertura: Martedì – Domenica | 10:00; 17:30 (ultimo accesso un’ora prima dell’orario di chiusura)


Museo Civico di Storia Naturale

Orario di apertura: Martedì – Domenica | 9:00; 17:30


Gallerie d’Italia

Orario di apertura: Martedì – Domenica | 9:30-19:30


Museo Civico Archeologico

Orario di apertura: Martedì – Domenica | 10:00; 17:30


Acquario Civico

Orario di apertura: Martedì – Domenica | 10:00; 17:30


Armani / Silos

Orario di apertura: Martedì e Domenica | 11:00; 19:00 ; Giovedì – Sabato | 11:00; 21:00

Musei gratis per minori di 18 anni

qui troverai Musei già presenti nelle sezioni precedenti, ma in questo caso i minori di 18 anni non devono aspettare il primo o terzo martedì del mese, ma possono accedere qualsiasi giorno.

Pinacoteca di Brera

Musei del Castello Sforzesco

Galleria d’Arte Moderna

Museo del Risorgimento

Museo Civico di Storia Naturale

Gallerie d’Italia

Museo Civico Archeologico

Acquario Civico

Museo del Cenacolo Vinciano

Fondazione Prada

Gallerie d’Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *